Da piazza Santo Stefano ci addentriamo nel Quadrilatero, un’area d’antica tradizione artigianale, mercantile e commerciale, che ha avuto il massimo sviluppo nel Medioevo ed ha mantenuto invariata nel tempo la sua vocazione. Avevano qui sede le principali corporazioni di mestiere della città.

Nel cuore del Quadrilatero si trasferirono agli inizi del Novecento anche gran parte di quelle attività di vendita che, nel Medioevo, erano situate nell’allora stretta via chiamata Mercato di Mezzo, poi divenuta dopo la ricostruzione via Rizzoli. In questa zona  si trovano, in particolare, le gioiellerie, le macellerie, le salumerie, i banchi di frutta e verdura, i panifici, i negozi con la gastronomia tipica e altre attività artigianali e commerciali specializzate e di lunga tradizione.

le botteghe nel Quadrilatero

Uscendo dal Quadrilatero, lungo la strada che costeggia San Petronio (via dell’Archiginnasio) sotto al portico del Pavaglione, incontrerete dopo poco il Palazzo dell’Archiginnasio, sede originaria dell’Università più antica d’Occidente, fondata nel 1088. Qui merita senz’altro una visita il Teatro Anatomico, l’antica aula dove si tenevano le lezioni di anatomia.

I corpi erano posizionati sul tavolo al centro della sala, mentre un frate dell’Inquisizione controllava da una finestrella con una grata che   non venissero oltrepassati i limiti imposti dalla religione. Il baldacchino della cattedra è sorretto da due statue lignee eseguite nel 1734 dal famoso anatomista e scultore Ercole Lelli. Le stesse statue vennero chiamate gli “spellati” perché raffiguravano l’interno dei corpi maschili.

Accesso al Teatro Anatomico e alla Sala dello Stabat Mater (quando non occupata per iniziative culturali):

Lunedì-venerdì: 10:00 – 18:00

Sabato: 10:00 – 19:00

Domenica e Festivi: 10:00 – 14:00

Gli orari potrebbero subire variazioni

La biglietteria chiude 15 minuti prima della chiusura del Teatro, il biglietto ha un costo di €3,00.

 

<- indietro                              avanti ->